Jack Kerouac Sulla Strada

Sulla Strada (On the road, 1957), di Jack Kerouac.

Per iniziare.

La storia di un viaggio infinito, inarrestabile, attraverso tutte le skyline d’America. L’inseguimento della vita, tramite la musica, l’ebrezza, le donne, la velocità, l’autodistruzione.

Un libro difficile, lo premetto.

Un libro americano, forse IL libro americano, che racconta il profilo, lo scheletro e l’anima neonata e strillante di questo Paese.

Polaroid mossa. Alcool e Benzedrina.

Sal Paradise (alter ego di Kerouac) e Dean Moriarty (l’amico Neal Cassady) alla ricerca della strada giusta verso nessun posto. Sal, Dean e la costellazione di personaggi del sobborgo statunitense di fine anni ‘40, che bruciano, bruciano di passione. La seconda metà del secolo grigio promette ai nuovi adulti un’epoca luccicante, fatta di paraurti cromati lanciati a velocità pazzoidi sui rettilinei delle strade americane, verso il buio, nella speranza di nuove luci. Sal e Dean verso la vita, contro la vita, che esplode con la potenza della bomba su Hiroshima, di cui ha la stessa sregolatezza senza senso, che devasta e ingoia tutto e tutti.

on the road sulla strada

Sulla strada NON è un romanzo di formazione.

Dean Moriarty è lo spirito guida, nonostante sia l’elemento deviato e deviante, nelle lunghe notti di musica e cascate di parole. Il jazz, swing o bebop, è il ritmo dell’irrequietezza: musica che è solo apparentemente anarchica, ma dalle regole ferree. L’immensità delle terre nude istiga la ricerca del limite, la conclusione della strada, un punto di sosta definitivo che sia veramente di ristoro e pacificazione dei sensi. Da una parte c’è l’estrema ricerca della libertà e del rifiuto dei precetti borghesi e puritani, dall’altra la tentazione di tirare il freno a mano, “normalizzare” l’esistenza, abbandonare (… o dosare) gli eccessi e metter su famiglia. Ma lo stallo è intollerabile per gli affamati di vita e di passione, e l’inquietudine riporta i due on the road per allontanarsi dal “desolato stillicidio della vecchiaia che avanza”. L’amicizia virile tra Sal e Dean sconfina nella reciproca adorazione. O perlomeno, da parte di Paradise nei confronti dell’istrionico Moriarty.

Sal è il bambino da accompagnare per mano, come Kerouac fa col lettore. Dean è il simulacro dell’America che insegue il fantasma di una felicità promessa. Trovare l’amore… e abbandonarlo. Circondarsi di amici… e lasciarli. Sentire il ritmo, ricercare quel qualcosa, quel beat, che è dono solo di pochi eletti, precluso a tutti gli altri che lo inseguiranno ciecamente.

LuAnne Henderson, a cui è ispirata MaryLou

Marylou è il sesso, che accompagna incosciente tutti, ma che non riesce a reclamarne dedizione né, tantomeno, fedeltà dal triangolo amoroso. Carlo Marx (Allen Ginsberg) è il Mentore in questa bolgia orgiastica americana; fuori luogo e fuori tempo, perché un passo avanti: sarà il primo a mettere in guardia dall’evanescenza dei giorni dell’ira.

Sulla strada, Il Film
On the Road (2012), di Walter Selles con Sam Riley, Kristen Stewart, Garrett Hedlund, Kristen Dunst, Viggo Mortensen

Il film, più o meno

Nel 2012, Walter Salles, regista de I Diari della Motocicletta, ha tentato la difficile trasposizione filmica del libro, con risultati non pessimi ma, perlomeno, insufficienti e didascalici. Sam Riley è un azzeccato Sal/Kerouac con taccuino, Garrett Hedlund impersona Neal/Moriarty carismatico e irresistibile. A chiudere il ménage à trois, Kristen Stewart, brava a fare la sballata ma sensuale come un carciofo.

Kristen Stewart MaryLou On the road

Curiosità: Nel 1957, Kerouac scrisse a Marlon Brando, reduce di 8 Oscar per Fronte del Porto nel ’54, supplicandolo di comprare i diritti cinematografici di On the road e farne un film assieme. Purtroppo Brando ignorò completamente la lettera.

Chi dovrebbe leggere Sulla Strada di Jack Kerouac:

Coloro che del viaggio si godono il percorso, le persone, i mezzi, la velocità e la lentezza. Coloro che non hanno paura di perdersi. Coloro che vogliono perdersi, perché tanto, prima o poi, da qualche parte arriveranno.

Sam Riley On the road
Sam Riley come Jack Kerouac/Sal Paradise
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...